Love inception

An ‘idea’ was believed to be the most powerful weapon in the universe. The human race had always believed that the man who managed to plant an idea deep inside another man’s mind would conquer the world. That was the answer to the ultimate question about life, the universe and everything. That was 42.

Love inception is a valuable and standard practice nowadays in this technologically advanced society of ours, in which we are not any more mere bodies led by post-human idle minds playing Gods.

Our society evolved from the conventional family model from the 2nd millenium of our era to the self-sufficient thinking individual role in the 3rd millenium. Once the family unit was not considered any longer appropriate for the reproduction, education and evolution of the species, our ancient human trends moved into further types of social and sexual relationships. Sensorial computer-aided sex with IVF and other ARTs was discarded centuries later, when the man freed himself from the simulated reality, foreseen by Bostrom in the 21st century and which lasted one thousand years.

Sick and tired of predictability, the human being resumed the random joy and miseries of love, which ruled the world once upon a time ages ago. Nowadays, there is no sex without love. This issue raises and demands the evolution of philosophical diatribes and encourages technological developments in inception.

Nowadays, we believe that only when we make love to someone who loves, we get to feel the passion of their thoughts, their skins burning when touching ours, their eyes browsing deep inside our dreams, our sexes arousing every inch of our deepest needs. Only love sets our bodies on fire and drives sex to ecstasy. That is what we believe.

Continue reading

Advertisements

​Il trilemma di Bostrom

«1. Nessuna civiltà raggiungerà mai un livello di maturità tecnologica in grado di creare realtà simulate.

2. Nessuna civiltà che abbia raggiunto uno status tecnologico sufficientemente avanzato produrrà una realtà simulata pur potendolo fare, per una qualsiasi ragione, come l’uso della potenza di calcolo per compiti diversi dalla simulazione virtuale, oppure per considerazioni di ordine etico, ritenendo ad esempio immorale l’utilizzo di soggetti tenuti “prigionieri” all’interno di realtà simulate ecc.

3. Tutti i soggetti con il nostro genere di esperienze stanno vivendo all’interno di una simulazione in atto.»

Ho fatto scelta. Ho deciso che uno di questi argomenti di Bostrom sia la mia realtà. Alla ricerca del tempo perduto e della grande bellezza, ho capito che «lo sguardo trova sempre quello che cerca il cuore», come diceva Venditti.

É da tempo che ci conosciamo. Ogni giorno al mattino, mentre facevo la solita passeggiata al lavoro, ci incontravamo sulla strada vicino a Trinity Square. Io poi, trascinavo i piedi piacevole attraverso la City, St. Paul, Fleet St., lo Strand… Tu mi guardavi un attimo intenso ogni volta. Io sostenevo il tuo sguardo, sfidandoti a fermarmi.

Esistiamo tu ed io? Credo di no.

Sapevo da sempre che eri italiano. Dal Sud. In questa immensa città, anonima e sovrappopolata, soltanto un uomo italiano mi avrebbe guardata come mi guardavi tu, come guardano gli italiani le femmine. Spogliandomi con gli occhi. Accarezzandomi l’anima con le labbra mute. Con la passione contenuta in mente e il desiderio in cuore. Fra questa folla ingente, senza rumore.

«Se si pensa che gli argomenti n.1 e n.2 siano entrambi probabilisticamente falsi, si dovrebbe allora accettare come altamente probabile l’argomento n.3.»

La prima volta, abbiamo fatto appuntamento il mercoledì, a St. Paul, alle cinque e mezza. Da allora sempre, lo stesso giorno, nello stesso posto, alla stessa ora. In questa realtà virtuale, ho cercato di trovare un glitch sul sistema per capire che è tutto un sogno, che siamo delle intelligenze artificiali in questo mondo simulato da noi stessi.

Quando chiudevi la porta, avvolta nelle tue braccia, mi lasciava trasportare dal desiderio, stordita dalla tua passione, dalla tua forza. Mi baciavi il collo. Mi leccavi la schiena. Le tue mani stringevano la mia vita, afferravano i miei fianchi. “Dai. Fottimi. Sbattimi forte adesso”. Tu venivi presto.

Continue reading